Moda Bon Ton ~ Il primo sito dedicato allo stile Bon Ton

Questo è il primo sito, forum e mercatino dedicato allo stile Bon Ton.
Per usufruire di tutti i vantaggi che offre il forum, compreso la possibilità di acquistare nel mercatino e la visualizzazione delle sezioni a te dedicate, consigliamo una semplice e gratuita registrazione...




IndicePortaleRegistratiFAQAccedi

Condividere | 
 

 Scene a cui mai si vorrebbe assistere

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ellie
avatar


MessaggioTitolo: Scene a cui mai si vorrebbe assistere   Gio 10 Lug 2014, 20:50

Ciao a tutte ragazze,
             è un po' che sul forum non si apre una nuova discussione "vivace", per cui ne apro una io. Lo so, qualcuna di voi non sarà d'accordo con me, troverà che i miei sono commenti troppo cinici, per cui attendo il vostro punto di vista, magari per smorzare anche il mio lato "snob".

Oggi sono stata finalmente in giro per saldi e, viste le giornate dense di impegni, ero decisa a ritagliarmi questo momento non solo per acquistare, ma anche per godere della compagnia di mia mamma, che vedo sempre più raramente causa studio e lavoro. Il pomeriggio è iniziato per il meglio girovagando per i negozi già aperti, nonostante l'orario post-prandiale, di un grande centro commerciale. Per lo meno, è stato un bel pomeriggio, finché non abbiamo deciso di entrare in un noto negozio di scarpe multimarca. Mentre camminavamo per gli scaffali, coccolate delle scarpe con il tacco e graziosi sandaletti rasoterra, abbiamo sentito un rumore agghiacciante, simile ad una sirena. L'origine del verso si è palesata in fretta: una bimba di circa due anni stava piangendo e facendo veri e propri capricci con i genitori, perché non voleva le scarpe che la madre le stava facendo provare. Le urla non hanno fatto che aumentare,con il pianto e i pugni scagliati per aria. La madre, anziché mettere fine con decisione e polso a quel capriccio, come avrebbe fatto la mia mamma per altro, continuava a imbonire la piccola ed era tutta un "sì amore, certo tesoro, tutto quello che vuoi". La scena era agghiacciante, tutti i clienti si guardavano imbarazzati e qualcuno, disturbato da quel rumore, ha lasciato il negozio esasperato senza fare alcun acquisto. Visto che la scena è andata avanti per quasi mezzora una commessa, coraggiosamente, ha chiesto alla madre ignava di portare fuori la bambina, visto che stava creando non poco imbarazzo e fastidio ai clienti. Questa, mortificata, ha preso quel piccolo demonio sempre più urlante fra le braccia, ha pagato e se n'è andata con l'espressione tipo "non metterò più piede in questo negozio". 
Vi sembra possibile una scena del genere? Non vi sembra un atto di pura maleducazione e mancanza di rispetto per le altre persone? I bambini vanno educati e invece spesso si tollera tutto di loro. I miei mi hanno dato un'educazione amorevole, ma di stampo tedesco: i bambini non devono fare capricci, né va dato peso a questi atteggiamenti. Una volta alle cene, agli eventi importanti i bambini non potevano presenziare, venivano mandati a letto, o c'era un tavolo per loro per non arrecare fastidi. Questo è troppo, ma oggi si è all'estremo opposto.
E analogo discorso per gli animali. Mi è capitato di vedere una scena assurda oggi: su un marciapiede affollato, un ragazzo se ne stava beatamente a conversare al cellulare, mentre teneva al guinzaglio un grosso cane, mollemente sdraiato su tutta la superficie di camminamento. Le persone, comprese anziane con bastone e bimbi erano obbligate a scendere dallo stretto marciapiede per non pestare l'inconsapevole animale. Quel ragazzo era un vero maleducato.
Inoltre, mentre passeggiavo in un negozio di profumeria ho assistito ad una scena disgustosa: una ragazza aveva fra le mani un cane di piccola taglia, che lei stessa ha definito "da borsetta". L'animale abbaiava facendo molto rumore e la ragazza, per tranquillizzarlo lo accarezza e si faceva leccare la mano dal cane, la cui lingua aveva viaggiato in tutti i distretti corporali della bestiola. Poi l'adorabile fanciulla toccava tutti i tester di ombretti, rossetti, e ciprie. Che cosa stomachevole!
Io amo gli animali, ma basta umanizzarli e imporli al prossimo, perché non tutti li amano e molti, compresa la sottoscritta, sono allergici.
Tornare in alto Andare in basso
charlie
avatar


MessaggioTitolo: Re: Scene a cui mai si vorrebbe assistere   Ven 18 Lug 2014, 01:49

Cara Ellie secondo me non sei affatto snob. Se perfino la commessa è dovuta intervenire, significa che non hai esagerato nel condividere con noi questa tua spiacevole esperienza.
Ho sempre considerato la mia educazione normale, ma apprendendo di come sia stata quella di molti con cui ho parlato, ho cominciato a comprendere di come sia stata più rigida della norma e con mia sorpresa ne sono stata molto grata. Sì, viziare i figli può sembrare un atto di amore e senza dubbio renderà la prole i genitori molto felici, almeno nel breve termine, ma nel lungo? Io ricordo bene le regole ferree a casa mia:
- non disturbare/parlare quando gli adulti parlano tra loro a meno che non ti sia posta una domanda;
- si mangia tutto ciò che viene servito ( a tal proposito, una volta una minestra mi stomacava tanto che non resistetti e ne rigurgitai mezza nel piatto, scusate è davvero poco bon ton, ma ero molto piccola e per far capire che scuse del tipo: "non mi piace, non lo mangio" non erano ammesse );
- in linea di massima, se disobbedivo, venivo punita, senza se e senza ma ( ancora oggi a 21 anni compiuti ).
- non parlare dialetto in casa e niente turpiloquio.

Da sempre mi è stato detto che sono una persona molto rispettosa, fine, educata e tollerante, con cui è facile andare d'accordo e davvero davvero difficile litigare. Coincidenze? Mia madre sarà anche stata molto fredda e poco tollerante, ma non mi sarei mai sognata di fare una scena simile, per essere bon ton? NO, per non prendermi due sonori ceffoni.
In quanto agli animali hai perfettamente ragione, io li amo tantissimo, ma i diritti dell'animale non devono essere anteposti a quelli dell'uomo, se non altro per logica: anche l'uomo è un animale. Io capisco che la ragazza non avesse problemi a farsi leccare le mani dal proprio cane, neanche io li ho, ma da qui a toccare oggetti che poi altri avrebbero toccato.. Poi mi dicono che dovrei uscire di più e mi domandano perché ho pochi amici, ma davvero?! Se questo è il panorama..


♥ ♥ ♥[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]♥ ♥ ♥
Instagram 

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Tornare in alto Andare in basso
Ellie
avatar


MessaggioTitolo: Re: Scene a cui mai si vorrebbe assistere   Sab 19 Lug 2014, 13:46

Charlie, leggendo della tua educazione mi sono ritrovata e, lo ammetto, a casa mia si sono ripetute proprio scene simili. Ho quasi ventisei anni, una laurea e faccio il medico, eppure, nonostante tutto, devo ancora sottostare a regole di casa ben precise. In parte è corretto, perché finché vivi con i tuoi, devi rispettarli, dato che la casa è loro e non è un albergo. Certo, molte regole si sono ammorbidite, ma ancora son mal tollerate le notti fuori casa dal mio fidanzato e i rientri oltre le due. C'è da dire che io queste cose le faccio molto raramente, ma comprendo quando sia difficile per loro mandare giù il rospo.

Invece, vedendo i miei cugini, molto più giovani di me, mi accorgo che hanno ricevuto un'educazione molto più "molle" per cui sono totalmente sfuggiti di mano ai genitori.
Tornare in alto Andare in basso
Celyn
avatar


MessaggioTitolo: Re: Scene a cui mai si vorrebbe assistere   Mar 29 Lug 2014, 10:50

Buongiorno ragazze...mi piace questa discussione e chissà...magari la mia opinione potrebbe accenderla ancor di più, dal momento che è assolutamente controcorrente! La questione "amore per gli animali" è un argomento che mi tocca nel personale e forse per questo sento quasi il dovere di commentare.
Anzitutto ci tengo a precisare e sottolineare (onde evitare equivoci) che io NON ODIO assolutamente gli animali ma ho solo un po' "paura" di essi (nello specifico mi riferisco ai cani). Quindi sebbene non sia la tipica ragazza che passeggia con il cagnolino in borsa o al guinzaglio,che lo coccola,lo bacia o ci dorme, non sono neanche quella che li maltratta.Ho a cuore comunque i loro diritti e mi dispiace vederli soffrire (per farvi capire:non ho più comprato pesciolini rossi da quando tempo fa mi documentai per bene sulla loro vita e salute ideale scoprendo che questi piccoli esserini taciturni hanno bisogno di cure che mai avrei osato immaginare... nelle classiche vaschettine e con i trattamenti "casalinghi" che solitamente si utilizzano, provochiamo inevitabilmente la loro morte e soprattutto gli causiamo "sofferenza"). Dunque per me va benissimo che altre persone se ne prendano amorevolmente cura, purché lo facciano seriamente e purché, come dite voi,i loro diritti non vengano anteposti a quelli delle persone, ma rispettati entrambi. Io ho solo un po' paura, mia sorella ha invece una vera e propria fobia ( sviluppata a mio avviso a seguito di un'aggressione da parte di due cani subita da bambina) e vi confesso che di spiacevoli situazioni ne abbiamo vissute abbastanza. I cani possono entrare nei negozi...OK! Ma anche le persone! Quindi se cortesemente ti chiedo di prendere in braccio il tuo cane che vaga liberamente in mezzo agli espositori perché anche io avrei il diritto di entrare nel negozio e "vagare liberamente" non credo sia educato fare battutine, deridermi e fare orecchie da mercante. nono!  Così finì che mia sorella ha preferito andarsene e il cane rimase a fare shopping!!!non chiedevo di uscire dal negozio,solo di tenerlo in braccio...certo non tutta la gente si comporta in questo modo,ma di questi tipi ne incontriamo un po'; certo il problema è nostro che abbiamo questa paura,ma un po' di comprensione la meritano anche le persone, NON SOLO gli animali...
La mia sensazione è che oggi sia più facile amare gli animali,che le persone... e non mi si venga a dire che ciò lo si deve alla cattiveria dell'uomo; è vero l'uomo talvolta può comportarsi da "bestia", ma se siamo in grado di amarle le bestie (inteso come animale), perché non riusciamo a farlo con le persone? E poi, per un uomo irragionevole che esiste, ne esistono sicuramente degli altri per cui valga la pena conoscerle e amarle. 
Spesso mi ritrovo a pensare che quest' esplosione di amore per gli animali, non sia in fondo solo il tipico bisogno d'amare e di essere amati che, in tempi ipermoderni come questi, ha trovato modi alternativi d'essere espresso e soddisfatto.E a volte (in questo sono cinica, lo ammetto) che sia solo un trend magari non proprio temporaneo,ma pur sempre un trend ...
Qualche mese fa lessi una frase che mi è rimasta impressa: secondo le statistiche nelle case degli Americani ci sono più cani che bambini... (e il confronto è ad hoc: quante volte ho sentito "questo è il mio bambino; guarda mio figlio")  incerto Dunque esiste una relazione tra il calo delle natalità e quest'esplosione improvvisa d'amore per gli animali? Mi sono chiesta perché? Perché si preferisce adottare un cane, piuttosto che un bambino? Perché costa di meno? Perché è meno impegnativo? Ma se davvero si amano gli animali non si offrono loro tutte le cure necessarie ( impegnative e costose anche)? 
E poi, correggetemi se sbaglio, ma secondo me l'animale va amato nella sua animalità...antropomorfizzare gli animali non significa amarli! Davvero tenerli in borsetta,in macchina per ore, in piccoli appartamenti, "educarli" ad esigenze umane significa amarli? Fare shopping è un bisogno del cane? O piuttosto è bisogno del proprietario?
Ho messo abbastanza legna sul fuoco (forse anche troppa);probabilmente la discussione si accenderà...ma volevo solo dire la mia, anche se è una voce totalmente fuori dal coro! e soprattutto cerco un confronto non un diverbio!
Tornare in alto Andare in basso
Ellie
avatar


MessaggioTitolo: Re: Scene a cui mai si vorrebbe assistere   Mar 29 Lug 2014, 13:55

Celyn, io approvo in toto il tuo commento e lo "quoto" a più riprese. A me piacciono gli animali, ma i comportamenti che certi umani impongono loro mi danno altamente fastidio. Mi dà fastidio e mi fa arrabbiare il fatto che, se avanzi una critica verso i possessori di amici a quattro zampe, vieni tacciato di essere "cinico/antianimalista" o peggio, amico del cacciatore della mamma di Bambi. Purtroppo è così, perché oramai la posizione è estremista al massimo.  


Citazione :
La mia sensazione è che oggi sia più facile amare gli animali,che le persone... e non mi si venga a dire che ciò lo si deve alla cattiveria dell'uomo; è vero l'uomo talvolta può comportarsi da "bestia", ma se siamo in grado di amarle le bestie (inteso come animale), perché non riusciamo a farlo con le persone? E poi, per un uomo irragionevole che esiste, ne esistono sicuramente degli altri per cui valga la pena conoscerle e amarle. 

Il tuo punto di vista è più che condivisibile. Anche noi siamo animali, è inutile che ci giriamo intorno e, come in natura, il bene e il male esistono. Io quando sento "i cani si comportano meglio di certi uomini" a volte mi arrabbio, perché si confrontano creature e animali completamente diversi, e anzi, mi pare una sorta di eccessiva umanizzazione degli istinti delle bestiole. La nostra società umanizza troppo gli animali domestici, vengono loro attribuite emozioni, sensazioni, addirittura pensieri (!) che sono troppo complessi e che nemmeno fanno, perché non sono in grado di fare. E' sbagliato, perché, come dici tu "gli animali vanno amati nella loro animalità". 

Citazione :
Spesso mi ritrovo a pensare che quest' esplosione di amore per gli animali, non sia in fondo solo il tipico bisogno d'amare e di essere amati che, in tempi ipermoderni come questi, ha trovato modi alternativi d'essere espresso e soddisfatto.E a volte (in questo sono cinica, lo ammetto) che sia solo un trend magari non proprio temporaneo,ma pur sempre un trend ...

E' vero, anche io mi sono ritrovata a pensare che tutto questo amore per gli animali sia diventato una "moda". Facciamoci caso, ora TUTTI hanno un cane, da portare a passeggio o tenere in borsa. 

Sì, so che siamo andate O.T., ma questa discussione mi "infervora" e desidero approfondirla con tutte voi. 

Vedere queste bestiole infagottate in cappottini/guinzaglietti e portate in toelettature per spese da decine alle centinaia di euro mi fa arrabbiare, ben sapendo che il 75% della popolazione mondiale non ha nemmeno l'acqua potabile. E' un'offesa alla povertà.

E sentire donne e uomini che apostrofano il loro cane con "il mio bambino", mi fa tremare i polsi, perché un cane non è un bambino. Non sono proprio la stessa cosa, né danno le stesse emozioni, né tanto meno sono soggetti allo stesso tipo di amore.
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato


MessaggioTitolo: Re: Scene a cui mai si vorrebbe assistere   

Tornare in alto Andare in basso
 

Scene a cui mai si vorrebbe assistere

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Moda Bon Ton ~ Il primo sito dedicato allo stile Bon Ton :: Vario :: L'ora del thè-